Il ricordo di don Otello Galassi

13 Maggio 2022
Categorie: Senza categoria

Se dovessi cercare la fibra, la molla che ha guidato e spinto Damiano nel rapportarsi al mondo in cui si è trovato a vivere, userei l’espressione «attenzione partecipata», o, se vogliamo «disponibilità attenta». Una disponibilità senza condizioni, non impicciona, leggera seppur decisa nella sua attenzione. Come pure un’attenzione sempre vigile, mai in ferie, però discreta, nella sua costante disponibilità. Fin dall’adolescenza, per Damiano, era normale mettere in atto eventi e situazioni dove gli altri venissero coinvolti, nessuno escluso. Non doveva mai mancare la componente ludica: anche la catechesi doveva prevedere un catechista a pieno titolo che organizzasse i giochi, perché anche il gioco è una cosa seria e una componente fondamentale della crescita umana che deve valere per tutte le età. Immagino che il lettore di queste righe vada subito ai princìpi pedagogici del maestro Lodi, di Rodari, don Milani…

Questo suo desiderio di vedere praticata una crescita educativa legata alla felicità condivisa, raggiungeva il top con i giochi notturni dei campi estivi. A partire da Sarna – Rivalta – Borgo Tuliero, si era arrivati a coinvolgere, per i campi, un po’ tutte le parrocchie cittadine, zona forlivese, e i giochi notturni fine campo diventavano parte delle attese di tutti. Niente era lasciato al caso, tutto era organizzato nei minimi particolari: ne mancava solo uno, perché una volta che la macchina era partita, aveva i suoi tempi, non quelli però dell’orologio di noi comuni mortali. E il suo sorriso bloccava inesorabilmente le nostre preoccupazioni che erano legate al tempo cronologico; lui invece sentiva il tempo non come cronos, ma come kairòs, il tempo favorevole, il tempo biblico che va colto e vissuto nella gratuità del dono condiviso. Fra cronos e kairòs la sua scelta di campo è sempre stata chiara.
Ho sottolineato il desiderio del Damiano ancora ragazzino di vedere attorno a sé gente con la voglia di vivere una vita il più possibile nella felicità condivisa, perché anche nei suoi impegni successivi, vissuti con modalità e situazioni diverse, fatte per lo più di bisogni materiali e non, questo tratto è rimasto sempre presente.

L’obiettivo suo non era mai il bel gesto fine a sé stesso, ma il voler/dover risolvere la situazione problematica con la quale era venuto a contatto. Questo suo modo di essere coinvolto, denotava una fede molto laica e, proprio per questo, anche molto evangelica. Una fede adulta, senza orpelli sacrali. Bonhoeffer, pastore luterano impiccato da Hitler, nelle sue lettere dal carcere, diceva che era arrivato il tempo di un cristianesimo «non religioso», un cristianesimo non tisico, anoressico, ma investito dello spessore storico vetero testamentario, una fede che sapesse accettare la secolarità, l’autonomia ormai adulto e sapesse testimoniare al centro del villaggio il Dio della vita piena che non gli fa ombra la felicità umana, anzi, concludeva Bonhoeffer: «chi sta con un piede solo su questa terra, starà con un piede solo anche in cielo». E Damiano aveva tutti e due i piedi ben piantati in una terra dove ancora troppi non potevano vivere una vita piena e felice.

Anche per questo le iniziative diocesane sulla Pace vedevano Damiano, e l’amico Davide Patuelli, infaticabili tessitori di una rete che andava oltre i confini religioso–confessionali e sapevano confluire in una laicità operosa secondo la nostra Costituzione che prevede la solidarietà (art. 2) non come un fiore all’occhiello di una qualche veste religiosa, ma come un dovere inderogabile di ogni cittadino. E Damiano aveva preso sul serio anche l’art. 11, dove si afferma che l’Italia «ripudia la guerra come mezzo per risolvere le contese internazionali»: aveva quindi optato per il servizio civile perché non voleva sciupare il suo tempo per portare a spasso mitragliette e bombette varie (nel ripudio della guerra è compreso anche il ripudio dei suoi strumenti, o no?).
La laicità della sua fede si manifestava senz’altro nel lavoro profuso alla Caritas diocesana e anche nella disponibilità a lavorare nell’Amministrazione comunale. Ma vorrei tornare all’aspetto legato al dialogo fra le religioni presenti sul nostro territorio. Era chiaro per Damiano che dialogo non doveva significare mettersi a discutere o confrontarsi sulle proprie identità, ma si trattava, appunto, di trovare una nuova identità che nascesse da iniziative comuni dove si potesse vedere nella pratica che la diversità, non solo non era un ostacolo, ma una ricchezza da valorizzare proprio nella sua dimensione in quanto tale (cosa dice di diverso l’art. 3 della nostra Costituzione?).

Diceva un teologo conciliare, Hans Küngnon c’è pace vera se fra le religioni non c’è pace». Vorrei concludere con un altro profeta conciliare, Ernesto Balducci, che termina il suo testo L’uomo planetario con queste parole che piacevano a Damiano: Chi ancora si professa ateo o marxista, o laico, e ha bisogno di un cristiano per completare la serie delle rappresentanze sul proscenio della cultura, non mi cerchi. Io non sono che un uomo.

Otello Galassi

  • Categorie

  • Tag Cloud

  • Archivio

  •   Articolo precedente
    «
     
     Articolo successivo
    »
    Cancel

    Necessari

    I cookie necessari sono i cookie tecnici cioè quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente.

    Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.

    I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando questa funzionalità.
    In generale comunque i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

    Chiudi

    Cancel

    Statistiche

    I cookie statistici vengono utilizzati per monitorare le performances del sito, per esempio per conoscere il numero di pagine visitate o il numero di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione.

    I cookie statistici utilizzati dal nostro sito si avvalgono di servizio di Google Analytics.

    L’analisi di questi cookie genera dati statistici anonimi e aggregati senza riferimento alcuno all’identità dei navigatori del sito. Sono utili anche per valutare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare al sito stesso.

    Chiudi

    Cancel

    Targeting

    I cookie di targeting sono cookie impostati da terze parti come YouTube, Facebook, Twitter.

    Questi cookie tengono traccia del tuo comportamento come la riproduzione di video o quali tweet hai già visualizzato.

    Se non viene dato il consenso a questi cookie, non sarà possibile guardare i video su questo sito web o utilizzare la funzionalità di condivisione sui social.

    Questi cookie possono essere utilizzati dal fornitore di cookie per creare un profilo dei tuoi interessi e mostrarti pubblicità pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma si basano sull'identificazione univoca del browser e del dispositivo Internet.

    Chiudi