Emergenza Gaza: aggiornamento per le Caritas diocesane

9 Giugno 2021
Categorie: Emergenze, Pace

Il clima in Terra Santa resta piuttosto preoccupante e vi è il timore che la guerra possa divampare di nuovo. Continuano le tensioni in Gerusalemme intorno alla Moschea di Al Aqsa, Sheikh Jarrah e nella Città Vecchia. Persistono anche scontri localizzati in Cisgiordania e nelle città miste araboebraiche in Israele. In tutta la Striscia di Gaza si sono tenute varie manifestazioni per celebrare quella che è considerata una vittoria, per seppellire i morti e per onorare i martiri. Parti del nord e dell’est della Striscia di Gaza sono state gravemente danneggiate con intere aree totalmente distrutte. C’è il timore di ulteriori feriti o decessi a causa dei residui esplosivi cosparsi nell’area.

La Striscia di Gaza si trova sulla costa orientale del Mar Mediterraneo, confina a sud con l’Egitto e a nord e a est con Israele. Ha una popolazione di oltre 2 milioni di persone in un’area di circa 378 km2 ed è tra i luoghi più densamente popolati al mondo con oltre 5.000 persone/km2 e, in alcuni campi profughi, fino a 15.000 persone/km2. Dal 2007, anno in cui Hamas ne ha ottenuto il governo, è sotto un rigido embargo da parte di Israele che controlla lo spazio aereo, marittimo e terrestre salvo una piccola sezione a sud confinante con l’Egitto. La popolazione, dunque, viveva già in condizioni estremamente difficili prima della guerra esplosa tra il 10 e il 20 maggio 2021 che ha esasperato la situazione paralizzando le infrastrutture del sistema sanitario e riducendo ulteriormente la qualità della vita rendendola letteralmente insostenibile per la sopravvivenza senza interventi immediati. La pandemia del Covid-19 e i conseguenti lockdown hanno aggravato una situazione economica già disperata. A Gaza il 53% della popolazione vive sotto la soglia di povertà; il 52% è disoccupata; il 62% vive in condizioni di insicurezza alimentare e l’85% dipende dagli aiuti internazionali.

La guerra ha causato 254 vittime di cui 12 israeliani e 242 palestinesi tra cui 66 bambini, 39 donne e 17 anziani. Sono 1.948 i palestinesi feriti, alcune centinaia gli israeliani. Secondo il Ministero dei Lavori Pubblici e degli Alloggi palestinese, a Gaza sono stati distrutti o gravemente danneggiati più di 1.800 abitazioni e unità commerciali; 14.536 unità hanno avuto danni minori. Le infrastrutture idriche, sanitarie e igieniche sono state gravemente danneggiate, in particolare 46 scuole, 2 asili, 6 ospedali e 11 centri sanitari; come anche la rete elettrica che a causa dei danni subiti può erogare solo un quarto del fabbisogno di energia. Ciò non permette il funzionamento di 3 principali impianti di desalinizzazione che forniscono acqua potabile a oltre 400.000 persone, oltre ad altri impianti minori che funzionano parzialmente. In totale si stima che sono 800.000 le persone che non hanno accesso regolare all’acqua. La gran pare degl’oltre 90.000 sfollati è rientrato nelle loro abitazioni salvo coloro che hanno avuto la casa distrutta per i quali è necessario garantire assistenza. Prima dell’attuale escalation circa 210.000 persone (una su dieci) soffrivano di forme più o meno gravi di disturbi psichici. L’esposizione alla violenza, la perdita di persone care, le frustrazioni dell’impotenza di fronte all’aggravarsi della povertà, la disoccupazione, l’insicurezza, hanno inciso ulteriormente sulla salute mentale di moltissime persone.

IL PIANO DI INTERVENTI
Il cessate il fuoco proclamato la notte del 21 maggio 2021 ha permesso l’accesso a Gaza del personale di Caritas Gerusalemme e la possibilità di elaborare un primo piano di interventi d’urgenza in ambito sanitario e supporto psicologico. L’infezione da Covid-19 sta ancora imperversando nella Striscia di Gaza, per questo sono compresi anche interventi di prevenzione e trattamenti di base per i malati di Covid. Il programma predisposto da Caritas Gerusalemme in coordinamento con il Ministero della Salute, della durata di 2 mesi, è rivolto a 2.200 famiglie tra le più vulnerabili (12.540 persone): 5.800 bambini, 3.380 donne; 2.300 uomini; 500 disabili; 560 anziani.

Gli interventi riguardano:
– assistenza sanitaria di base
– trattamento delle malattie acute o croniche a circa 3200 persone
– visite a domicilio a cica 500 malati o disabili costretti a letto
– visite prenatali a circa 3000 donne
– analisi cliniche a circa 2000 persone
– fornitura di farmaci essenziali
– medicazione di ferite e fornitura di antibiotici a circa 400 persone rimaste ferite negli
scontri
– orientamento a servizi sanitari secondari dove necessario
– distribuzione di kit igienici e dispositivi di protezione da Covid-19 a circa 220 famiglie
– educazione sanitaria e formazione sulla prevenzione delle infezioni e l’igiene ambientale

Caritas Gerusalemme attua gli interventi sopra elencati attraverso 5 cliniche mobili e una struttura fissa, con personale sanitario specializzato (medici, infermieri, farmacista, tecnico di laboratorio, operatori sanitari). La Caritas fornisce l’assistenza medica di emergenza e sanitaria di base ai pazienti per ridurre al minimo l’afflusso negli ospedali che sono già al collasso. I beneficiari vengono selezionati dando priorità alle seguenti categorie:
– sfollati interni
– anziani
– disabili
– malati cronici
– famiglie con capo famiglia un minore
– orfani e minori vulnerabili
– famiglie con capo famiglia una donna
– donne incinte o in allattamento
– minori non accompagnati
– famiglie che hanno perso un proprio caro
– famiglie con familiari feriti

Caritas Italiana collabora da anni con Caritas Gerusalemme, per interventi sanitari nella striscia di Gaza, gemellaggi, pellegrinaggi solidali, rafforzamento della rete parrocchiale. Caritas Italiana sostiene gli interventi d’urgenza descritti in precedenza in coordinamento con la rete Caritas internazionale, grazie alla solidarietà di singoli e comunità espressa con offerte in denaro. Il costo complessivo del programma per 2 mesi è di 250.000 Euro 

– Sul sito www.caritas.it sono disponibili i comunicati stampa, gli aggiornamenti, sugli interventi in atto man mano che verranno definiti.
Per ulteriori informazioni e coordinamento contattare Ufficio Medio Oriente e Nord Africa di Caritas Italiana tel. 0666177247/268 mona@caritas.it

  • Categorie

  • Tag Cloud

  • Archivio

  •   Articolo precedente
    «
     
     Articolo successivo
    »

    Maggiori Informazioni

    Chiudi

    Necessari

    I cookie necessari sono i cookie tecnici cioè quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente.

    Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.

    I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando questa funzionalità.
    In generale comunque i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

    Chiudi

    Statistiche

    I cookie statistici vengono utilizzati per monitorare le performances del sito, per esempio per conoscere il numero di pagine visitate o il numero di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione.

    I cookie statistici utilizzati dal nostro sito si avvalgono di servizio di Google Analytics.

    L’analisi di questi cookie genera dati statistici anonimi e aggregati senza riferimento alcuno all’identità dei navigatori del sito. Sono utili anche per valutare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare al sito stesso.

    Chiudi

    Targeting

    I cookie di targeting sono cookie impostati da terze parti come YouTube, Facebook, Twitter.

    Questi cookie tengono traccia del tuo comportamento come la riproduzione di video o quali tweet hai già visualizzato.

    Se non viene dato il consenso a questi cookie, non sarà possibile guardare i video su questo sito web o utilizzare la funzionalità di condivisione sui social.

    Questi cookie possono essere utilizzati dal fornitore di cookie per creare un profilo dei tuoi interessi e mostrarti pubblicità pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma si basano sull'identificazione univoca del browser e del dispositivo Internet.

    Chiudi