Caritas Faenza, i dati della povertà. E termina l’attività di accoglienza per richiedenti asilo 19/06/2019

Tratto da Buonsenso Faenza-mercoledì 19 giugno 2019

Persone ‘in attesa’. In attesa di un lavoro, di un documento che attesti protezione internazionale, di un supporto concreto che possa contrastare la povertà. E sono proprio queste persone ‘in attesa’ a cui è andata incontro la Caritas della diocesi di Faenza-Modigliana, i cui dati sono stati presentati martedì 18 giugno 2019 nel Rapporto Caritas 2018, dal titolo ‘Il tempo dell’attesa’. In tutto nell’ultimo anno, sono state 539 le persone incontrate al Centro di Ascolto, mentre altre 854 sono quelle incontrate nei diversi centri Caritas parrocchiali della diocesi. L’aiuto a queste persone viene fornito dagli operatori Caritas, Fondazione Prosolidarietate e ass. Farsi Prossimo, a cui si aggiungono circa 120 persone che offrono il loro contributo volontario in vari ambiti. «Bisogna scorrere l’archivio per trovare numeri simili e andare indietro nel tempo fino al 2007 anno precedente alla crisi economica – si legge nel rapporto – Occorre però sottolineare che le Caritas parrocchiali hanno, di anno in anno, maturato il loro percorso e incontrato e ascoltato molte persone nella parrocchia che vivono momenti di fragilità. Altra variabile che può aver inciso sul calo delle presenze al Centro di Ascolto diocesano è la presenza di alcune misure di sostegno la reddito come Sia, Rei e Res che hanno contribuito parzialmente al benessere delle famiglie e, soprattutto, le hanno avvicinate ai Servizi sociali».

Tanti uomini soli in condizione di difficoltà

Il numero degli italiani che si rivolgono alla Caritas è costante, si attesta sul 29%. Si tratta principalmente di uomini (62%) a cui si è sgretolato il progetto di vita famigliare. Spesso questi uomini sono lontani dalla pensione e, al tempo stesso, difficilmente ricollegabili nel mondo del lavoro. A seguire di quella italiana nelle presenze alla Caritas, ci sono tre nazioni del continente africano, le stesse del 2017, ossia Marocco, Nigeria e Senegal. In generale, a Faenza gli stranieri sono circa il 12% della popolazione totale e le comunità più rappresentate sono quella albanese, rumena e moldava. Il Centro di Ascolto in via D’Azzo Ubaldini offre supporto, pasti, posti letto.

Gli effetti del Decreto Sicurezza: ancora non si conosce il futuro di 50 richiedenti asilo della Caritas diocesana

Termina invece l’esperienza di accoglienza per i richiedenti asilo alla Caritas diocesana e dal prossimo 1° luglio è ancora incerto il futuro che attende i 50 richiedenti asilo attualmente ospitati e si confida che non vengono allontanati eccessivamente dalla realtà del nostro territorio dove si sono sperimentati esempi positivi di integrazione. Il servizio è iniziato nel 2013, ma per effetto del Decreto Sicurezza si è deciso di non aderire più. Nel marzo scorso, infatti, si è conclusa la finestra di tempo per aderire ai nuovi bandi della Prefettura di Ravenna per la gestione dei progetti di accoglienza di richiedenti protezione internazionale, e l’Ass. Farsi Prossimo ha deciso di non parteciparvi. «Le recenti disposizioni del Ministero – spiega il Rapporto – hanno mutato nella forma e nella sostanza l’identità dei progetti di accoglienza. L’insegnamento della lingua italiana non sarà più necessario, l’adeguato supporto di determinate competenze non più richiesto, la promozione di accoglienze diffuse sul territorio in numeri ridotti non più stimolata pensi osteggiata. Il contributo economico, inoltre, verrà sensibilmente ridotto. Ogni euro ricevuto dai contributo negli scorsi anni è stato poi riutilizzato dall’associazione per le attività a favore dei migranti, per tutelare e integrare. E’ impensabile però che un direttivo di volontari possa assumere il rischio d’impresa che l’abbattimento del contributo comporta».

“Una decisione sofferta, ma era necessario dare un segnale”

«La decisione di non partecipare al bando non è stata semplice. E’ stata meditata, ponderata, sofferta – spiegano dalla Caritas – Significa abbandonare un progetto voluto, costruito e promosso nel tempo, costato fatica e impegno. Significa avere la consapevolezza di lasciarsi alle spalle parte della marginalità che abita la nostra diocesi. Significa lasciare campo libero a chi propone accoglienze parcheggio, fatte di alti numeri e bassa prossimità. Era necessario perciò lanciare un segnale, per tutelare la dignità delle persone accolte e non piegarsi ad una visione del futuro che abdica all’integrazione facendo contabilità su esistenze umane di serie C».

Gli altri progetti della Caritas

Se fra i progetti Caritas 2019 quello con i richiedenti asilo è destinato a esauristi, altri continueranno, come Dress Again, Farmaco Amico, Siamo Famiglia, Terra condivisa. Il primo è un progetto che nasce per dare una nuova possibilità di lavoro a persone svantaggiate e, al tempo stesso, una seconda possibilità a tanti indumenti offerti dai cittadini alla Caritas, educando al riuso. Farmaco amico recupera farmaci non scaduti grazie a volontari: nel 2018 sono state raccolte 3.529 confezioni. Siamo Famiglia offre colloqui di supporto per la gestione del bilancio famigliare, mentre Terra condivisa istruisce all’ecosostenibilità e alla produzione di prodotti a km 0.

Samuele Marchi

Maggiori Informazioni

Chiudi

Necessari

I cookie necessari sono i cookie tecnici cioè quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente.

Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.

I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando questa funzionalità.
In generale comunque i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

Chiudi

Statistiche

I cookie statistici vengono utilizzati per monitorare le performances del sito, per esempio per conoscere il numero di pagine visitate o il numero di utenti che hanno visualizzato una determinata sezione.

I cookie statistici utilizzati dal nostro sito si avvalgono di servizio di Google Analytics.

L’analisi di questi cookie genera dati statistici anonimi e aggregati senza riferimento alcuno all’identità dei navigatori del sito. Sono utili anche per valutare eventuali modifiche e miglioramenti da apportare al sito stesso.

Chiudi

Targeting

I cookie di targeting sono cookie impostati da terze parti come YouTube, Facebook, Twitter.

Questi cookie tengono traccia del tuo comportamento come la riproduzione di video o quali tweet hai già visualizzato.

Se non viene dato il consenso a questi cookie, non sarà possibile guardare i video su questo sito web o utilizzare la funzionalità di condivisione sui social.

Questi cookie possono essere utilizzati dal fornitore di cookie per creare un profilo dei tuoi interessi e mostrarti pubblicità pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma si basano sull'identificazione univoca del browser e del dispositivo Internet.

Chiudi