Terremoto Centro Italia: cosa puoi fare tu.

24 agosto 2016
Categorie: Donazioni, Emergenze, Farsi prossimo

In conseguenza al sisma che nella notte del 24 agosto ha colpito le province di Rieti, Ascoli Piceno, di Perugia e di Fermo, causando un numero imprecisato di morti e di sfollati, danni ingenti e il crollo di numerose abitazioni e di alcune chiese in modo particolare nei centri di Accumoli (Rieti), Arquata del Tronto, (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti),  la Presidenza della CEI ha disposto l’immediato stanziamento di 1 milione di euro dai fondi dell’otto per mille per far fronte alle prime urgenze e ai bisogni essenziali. Caritas Italiana si è subito attivata con i suoi operatori sul posto per coordinare gli sforzi delle Caritas coinvolte e di quelle che hanno già offerto disponibilità ad
intervenire da tutta Italia e anche dall’estero.

La Chiesa che è in Italia si raccoglie in preghiera per tutte le vittime ed esprime fraterna vicinanza alle popolazioni coinvolte in questo drammatico evento. Le diocesi, la rete delle parrocchie, degli istituti religiosi e delle aggregazioni laicali sono invitate ad alleviare le difficili condizioni in cui le persone sono costrette a vivere. A tale scopo, la Presidenza della CEI indice una colletta nazionale, da tenersi in tutte le Chiese italiane il 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, come frutto della carità che da esso deriva e di partecipazione di tutti ai bisogni concreti delle popolazioni colpite.

Inoltre si raccolgono offerte anche presso la Caritas diocesana di Faenza-Modigliana durante gli orari di apertura, il martedì e il giovedì mattina dalle 10 alle 12 presso Piazza XI febbraio 10, Faenza.

In alternative le offerte raccolte possono essere inviate con sollecitudine a Caritas Italiana, Via Aurelia 796 – 00165 Roma, utilizzando il conto corrente postale n. 347013 o mediante bonifico bancario su Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma – Iban: IT 29 U 05018 03200 000000011113 specificando nella causale “Colletta terremoto centro Italia”. Per modalità di donazione alternative è possibile consultare il sito di Caritas Italiana.

 

  Articolo precedente
«
 
 Articolo successivo
»